In tema di Divorzio

La sentenza della Corte di Cassazione del 10.05.17 che si è pronunciata sull’assegno di mantenimento in caso di divorzio ha rivoluzionato le sorti delle famiglie separate. I genitori che in alcuni casi, erano costretti a vivere in condizioni di miseria, per versare l’assegno di mantenimento agli ex coniugi e ai figli, trovano in questa sentenza un po’ di respiro. L’assegno infatti ad oggi dovrà consentire all’altro genitore di sopravvivere e di essere autosufficiente senza più riferirsi al precedente tenore di vita condotto prima del divorzio. Sembra essere una sentenza non sbilanciata che mette sullo stesso i piano i due ex coniugi nell’occuparsi del figlio. Aspettiamo le conseguenze.

Ancora su questo punto la Cassazione (Cass. Sent. n. 11448/2017 del 10.05.17) si è pronunciata anche in tema di  genitori separati, che dopo il divorzio, hanno ricreato un nuovo nucleo familiare. Questi non dovranno coinvolgere troppo il nuovo partner nei rapporti con i figli, poichè in alcuni casi, potrebbe provocare in loro dei disagi o dei possibili turbamenti. I minori sono già disorientati e turbati dalla trasformazione del contesto familiare nel quale sono inseriti e potrebbero manifestare dei disagi per via della presenza di  un nuovo partner estraneo e quindi arrivare a rifiutare anche la figura del genitore biologico. Il giudice infatti, in alcuni specifici casi, potrà decidere di disporre le visite presso il genitore non collocatario escludendo la presenza del nuovo partner considerando tale figura estranea come un limite.

Ma come vivono e chi sono oggi questi “figli di genitori separati”?

I “figli dei separati” così chiamati dalla comunità sono quei minori che in seguito alla separazione dei loro genitori, potrebbero subire delle conseguenze sul piano emotivo e morale. In quest’ottica su questi ragazzi influisce in gran parte l’intensità del conflitto genitoriale non risolto o d’altra parte la mancanza totale di comunicazioni tra i due ex coniugi. Gli adolescenti, figli di genitori separati, sono spesso lasciati soli a districarsi tra questo tipo di relazioni poiché i genitori sono troppo occupati in liti, battaglie legali e problematiche coniugali. É per questo che spesso nel minore potrebbe manifestarsi un blocco evolutivo che potrebbe portare lo stesso a manifestare un disagio, in famiglia, nel gruppo dei pari e a scuola.

É importante rintracciare in questo contesto un  scuola preparata e informata capace di fornire supporto e conoscenze, ma soprattutto in grado di fornire una rete salda a cui i genitori possano far riferimento.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...