Adolescenti e ALCOL

L’abuso di alcol è la prima causa di morte al di sotto dei 25 anni. 

In Italia, secondo la “RELAZIONE DEL MINISTRO DELLA SALUTE AL PARLAMENTO SUGLI INTERVENTI REALIZZATI AI SENSI DELLA LEGGE 30.3.2001 N. 125 “LEGGE QUADRO IN MATERIA DI ALCOL E PROBLEMI ALCOL CORRELATI”  del 2020, nel 2019 il 77% degli Italiani dagli 11 anni in su e il 56% delle Italiane.
Nel nostro Paese,  la Legge 8.11.2012 n.189 vieta la vendita e la somministrazione di alcolici ai minori di 18 anni (Ministero della salute).

Sebbene l’abuso di alcol sia dannoso a qualunque età, il danno è maggiore per il bambino e l’adolescente. Con l’abuso di alcol il sistema cerebrale, fisiologicamente non del tutto maturo, e l’inefficacia dei meccanismi di metabolizzazione e smaltimento delle bevande alcoliche, mettono a rischio la salute di tutto l’organismo, in particolare possono verificarsi seri danni alla struttura e al funzionamento del cervello.

Dopo la fine del lockdown ci sarebbe stata una notevole impennata degli accessi per intossicazione alcolica acuta grave, spesso associata ad abuso di altre sostanze stupefacenti, di adolescenti nei Pronto Soccorso degli ospedali Italiani (salute.gov.it).

Il consumo e l’abuso di alcol fra i giovani e gli adolescenti è un fenomeno preoccupante e in forte crescita, in Italia come all’estero. La cultura del bere attualmente diffusa tra gli adolescenti segue sempre più spesso standard indirizzati verso modelli di “binge-drinking” ossia il bere per ubriacarsi.

Ci sono ragazzi che bevono anche 5 o 6 cocktail consecutivi, ben oltre il proprio limite di tolleranza, allo scopo di ubriacarsi. Non sono pochi e lo fanno anche più volte a settimana: stando agli ultimi dati, raccolti da un’indagine Doxa, sono il 20% dei maschi con più di 13 anni e l’8,6% delle femmine (ANSA).

I ragazzi, sempre più spesso, si mettono a rischio, partecipano a giochi alcolici in gruppo, si sfidano ai drink-game, anche sui social network, si fotografano e si riprendono mentre sono sbronzi, vomitano e si sentono male. Lo fanno perché sono alla continua ricerca di sballo, di sensazioni forti e hanno bisogno di sperimentarsi, oppure perché vengono sfidati dagli altri e vogliono sentirsi parte del gruppo; in ogni caso, il più delle volte, non si rendono conto delle conseguenze e dei rischi (rainews, fondazione veronesi).

L’Istituto Superiore di Sanità, in occasione della Giornata 2011 dedicata alla prevenzione, ha diffuso dei dati preoccupanti sui giovanissimi, specie sulle adolescenti, che aumentano il consumo fuori pasto di superalcolici. Si diffondono pratiche assurde come l’eyeballing: si crede che l’alcol si assimili più rapidamente se versato negli occhi, e il risultato non è lo sballo sperato, ma la cornea rovinata.

Ciò che porta un adolescente al consumo spasmodico di alcol può essere motivato a svariate motivazioni psicosociali. L’alcol, e le sue deleterie mode, rappresentano soltanto uno dei metodi privilegiati per i giovani di stare insieme ai suoi pari e costruire con essi un processo identitario (Candio et al., 2012 Documentazione degli effetti dell’uso di alcol sul cervello in adolescenza).

Se adeguarsi al gruppo e divertirsi sono le ragioni più indicate (49%) tra quelle per le quali un adolescente consuma bevande alcoliche, subito dopo troviamo il “dimenticare i problemi” (44,6%). E le difficoltà, per un adolescente, sono spesso legate al rapporto con la famiglia. 

L’importanza della cornice familiare e ambientale nel condizionare l’evoluzione dei comportamenti giovanili, una famiglia presente, e affettivamente solida, condiziona favorevolmente la crescita dei ragazzi, tutelandoli anche dagli eccessi indotti dal gruppo dei pari (Osservatorio permanente sui giovani e l’alcool).

Bisogna lasciare che gli adolescenti sperimentino ma con dei limiti, senza allarmismi ma senza sottovalutare o banalizzare. È importante porsi ad una giusta distanza e mantenere sempre un occhio vigile in modo tale da intervenire, qualora fosse necessario, aiutandoli a rimettersi sulla giusta via prima che il comportamento occasionale diventi sempre più abituale e pericoloso.

Comunicare con un figlio è dare spazio di ascolto. Non è subissarlo di parole, ma saperlo ascoltare. Quando parla e quando tace, perché non solo le parole portano messaggi, ma i comportamenti, i silenzi, gli umori.

Per informazioni e per i primi contatti psicologici rivolgersi a: Dott.ssa Chiara Patruno Psicologa-Psicoterapeuta 3472439780