I morsi al Nido: tappa evolutiva o segnale di aggressività?

Il mio bambino morde

Un bambino morde per conoscere. Verso i sei, otto mesi un bambino tende a portare tutto alla bocca, cerca di esplorare il mondo attraverso questo organo di senso fondamentale. I bambini infatti si esprimono principalmente con il corpo, soprattutto nei primi tre anni. Già dal principio e durante l’allattamento il bambino utilizza la bocca per nutrirsi e per stabilire un rapporto con l’esterno e con la mamma. La bocca è l’organo primario per un bambino per esplorare e sperimentare: il seno della mamma, il ciuccio, le dita di un fratellino o del papà.

Il gesto di mordere può essere una modalità comunicativa del bambino con l’altro, il morso potrebbe essere usato anche quando c’è frustrazione, disagio, insoddisfazione. Infatti è verso i due anni che il bambino utilizza questa modalità per esprimere le proprie emozioni: felicità, gioia, rabbia, tristezza aggressività.

Questa tappa evolutiva è la risposta all’espressione delle emozioni primarie e poiché i bambini, si esprimono principalmente col corpo,  a causa delle assenti o scarse capacità linguistiche, utilizzano altri metodi per autoregolarsi  emotivamente.

Un’emozione naturale quindi può essere espressa dal bimbo attraverso la gestualità perché non ha ancora una buona padronanza del linguaggio: un atteggiamento usuale è quello di scagliare gli oggetti o batterli tra loro, tirare i capelli, mordere, graffiare. In questa età i bambini ancora piccoli non sanno ancora considerare l’altro come un entità uguale a se stessi, e mirano alla soddisfazione solitaria dei loro bisogni e desideri.

Cos’ è l’aggressività nel bambino piccolo?

images (1)

L’aggressività nei bambini è la manifestazione della loro immaturità comunicativa, i bambini spesso non riescono a regolare le loro emozioni intense in modo efficace. Spesso al Nido accade che i bambini mordano per comunicare: si tratta di situazioni in cui un bambino aggredisce uno o più compagni senza nessuna causa. Il morso fa molto effetto sul genitore, sia perché lascia segni evidenti, sia perché è portato a pensare che il suo piccolo sia stato preso di mira o che venga lasciato solo per le sue modalità.

Spesso, gli episodi di emozione espressa con morsi si verificano nei momenti di gioco libero o di passaggio da un’attività all’altra o da uno spazio all’altro. Per questo spesso si consiglia di fare delle pause nel corso delle sue attività oppure di cambiare gioco: servirà a far riposare il bambino e ad evitare che accumuli eccessiva tensione, cercando sempre di scegliere un gioco che sia adatto alla sua età.

Durante i momenti di attività strutturata molto raramente accadono questi episodi. Spesso alcuni bambini più sensibili esprimono con questi gesti una difficoltà naturale e fisiologica di gestire autonomamente dei momenti “liberi da regole” senza il supporto costante dell’adulto o delle situazioni di iperstimolazione da rumori, suoni, colori, oggetti, movimenti.

Cosa deve fare il genitore quando un bambino morde?

Cercare tra adulti di essere coerenti e coesi:

Il genitore deve spiegare al piccolo che può mordere un oggetto, ma non una bambino.

Interrompere il gesto del morso con una negazione sicura, con fermezza e decisione, dando un rimando sicuro di disappunto:

Il genitore deve dire al bambino che il gesto è sbagliato. La ripetizione di tale meccanismo è fondamentale nel far comprendere un comportamento errato.

Utilizzare una modalità disinvolta e non preoccupata:

E’ necessario focalizzare sul bambino la posizione dell’ adulto, tenendolo in braccio, guardandolo negli occhi.

Fornire giochi “da mordere e dare le regole:

Aiutare il bambino ad esprimere con le parole, dicendole al suo posto, i motivi di rabbia e frustrazione.

Come si comportano le educatrici al Nido?

E’ importante che le educatrici possano spiegare anche separatamente ai due bambini l’intenzione che c’era dietro al gesto. E con la stessa prontezza comunicarlo ai due genitori spiegando l’accaduto ed il contesto di riferimento, in modo che, anche a casa, i genitori stessi possano spiegare al bambino come agire.

E’ importantissimo recuperare la relazione di gioco tra i due bambini, mettendo le parole laddove a loro mancano. Fornendo le possibili mediazioni e i possibili accordi: dallo scambio dei giochi al giocare insieme di nuovo. Saper condividere è un grandissimo insegnamento che tutte le educatrici sanno dare ai bambini.

Quando bisogna preoccuparsi?

images

Questo tipo di gestualità, presente spesso al Nido, è normale e tipica della tappa evolutiva. In questo periodo di età non è segnale di alcuna problematica, né deve essere ricondotta a problematiche socio-familiari.

In genere questi comportamenti tendono a sparire negli anni successivi.

Solo dopo i 30 mesi il mordere frequentemente e senza motivo può essere un campanello d’allarme. Potrebbe essere il segnale di un disagio del bambino: la nascita di un fratellino che fa sentire il piccolo messo da parte, un trasloco dove il cambiamento degli ambienti disorienta il bambino, la separazione dei genitori, un lutto in famiglia.

E’ sempre consigliato parlarne con uno specialista in materia per comprendere le eventuali problematiche e cercare una soluzione possibile.

Regole per un buon inserimento al nido

 

una_giornata_s

 

La prima cosa importante da fare è parlare e verbalizzare cioè dire al bambino cosa sta per affrontare: domani inizierà l’asilo, ci saranno tanti bimbi e tanti giochi, ti divertirai, preannunciandogli l’eventoSpiegargli con parole semplici cosa farà al nido, ponendo l’accento sulle attività più belle che lo aspettano, ma non trascorrere ore a convincerlo.

E’ consigliabile in questa fase mostrarsi contenti, felici e pieni d’entusiasmo per questa nuova esperienza, anche se dentro di noi non è proprio così. Una cosa fondamentale, che molti genitori non sanno e non fanno, è il saluto. Al momento del distacco bisogna salutare il proprio bambino: la mamma va a fare la spesa poi torna. L’importante è far capire al proprio figlio che la mamma non sparisce. Il bambino può vedere la mamma e il papà che vanno via, sapendo che poi torneranno.

Successivamente dovrete trasmettere serenità, tranquillità e fiducia: la mamma va al lavoro, poi torna a prenderti. Rassicurare il bambino dicendogli che la mamma o il papà andranno a riprenderlo dopo la pappa o dopo le ninne lo tranquillizzerà. E’ preferibile comunicare al bambino un momento preciso della sua routine quotidiana in cui andrete a riprenderlo in modo tale da rendere meno pesante l’attesa.

Dargli un oggetto che può portare da casa, come il suo giochino preferito. Rappresenta un oggetto di continuità tra casa e scuola, oppure dagli un braccialetto, una foto; lasciare che il bambino porti con sé il suo giocattolo preferito, lo aiuterà a sentirsi al sicuro; crea un piccolo rito collegato allo stare al nido.

Dare fiducia al bambino significa essere certi che è in grado di superare un momento difficile. Anche se il bambino mostra segni di sofferenza, si lagna piange e non vuole andare bisogna  offrirgli tutto il nostro sostegno senza però cedere ad ogni suo capriccio. Il bambino non deve sentirsi abbandonato. Comprendetelo e fategli capire che a volte, quando si sta per superare un momento difficile, si piange.

Avere fiducia del nido e delle educatrici è importantissimo: più voi avrete fiducia dell’ambiente circostante e delle persone che ci lavorano, più il vostro bambino si sentirà sicuro in un posto sicuro. All’uscita quando tornerete a riprenderlo entrate sorridenti e allegre, rassicurate subito vostro figlio, ditegli che tornerete sempre, che gli volete bene.

Dare spazio al papà che deve essere coinvolto nell’inserimento. In genere i papà hanno meno difficoltà a lasciare i bambini e per i bambini è più facile salutare il papà che non la mamma. Il papà ha un ruolo estremamente importante: aiutare la mamma a staccarsi dal bambino, superando insieme l’inserimento al nido. Una buona idea è quella di essere presenti entrambi durante l’inserimento per facilitare il momento del distacco con il genitore.

Comunicare spesso e con regolarità con le educatrici per imparare a fidarsi di loro. Se il bambino si accorge che la mamma ed il papà si fidano delle educatrici rimarrà più serenamente al nido. Anche le educatrici hanno un compito molto delicato poichè devono fare in modo che la famiglia e il bambino si fidino di loro. Per raggiungere questo obiettivo devono avere un atteggiamento accogliente, nei confronti del bambino ma anche dei genitori. Lo scambio di informazioni tra genitori ed educatrici deve continuare anche dopo l’inserimento.

Ricordiamo inoltre che seppure il genitore conosce il proprio bambino, ogni bimbo a suo modo è diverso da un altro, ha i suoi ritmi e necessita di un periodo di tempo e di spazio per inserirsi al nido.

Scuola-materna