HIKIKOMORI: Isolamento e autoreclusione

Hikikomori significa stare in disparte ed è un termine coniato in Giappone, dove si sono individuati i primi ragazzi che si auto recludevano per sfuggire al confronto con il mondo.

Si può definire Hikikomori un fenomeno nato e sviluppatosi prevalentemente in Giappone, ma presente anche in Corea e Taiwan. Il termine fu creato dallo psichiatra giapponese Saito Tamaki, dalle parole giapponesi “hiku (tirare)” e “komoru (ritirarsi)”, letteralmente “ stare in disparte, isolarsi ”. Quando all’inizio degli anni Ottanta segnalò un numero sempre maggiore di giovani, i quali apparentemente per una forma di apatia scolastica, interrompevano le relazioni sociali e si ritiravano nella propria stanza rimanendovi rinchiusi anche per lunghi periodi (auto reclusione).

download (1)

Il fenomeno colpisce tanti adolescenti anche in Italia. Non è depressione, non è dipendenza dai videogames, non è solo un disturbo d’ansia. Dai dati del Giappone che conta oltre 500.000 persone, tra semi-isolati e completamente isolati. Passando per Spagna, Corea, Cina, India, Francia e Stati Uniti, arriviamo all’Italia dove, grazie al Dottor Crepaldi, autore del libro “Hikikomori, i giovani che non escono di casa” specializzato in psicologia sociale e comunicazione digitale, che nel 2017 ha fondato l’Associazione Nazionale Hikikomori Italiadi cui è presidente, sappiamo che la stima per difetto dovrebbe essere intorno ai 100 mila giovani, quasi sempre di sesso maschile (88%) che rimangono chiusi totalmente in casa dai 3 ai 10 anni (42%).

Sono moltissimi, eppure c’è ancora una scarsa attenzione sociale.  È l’essenza stessa del malessere, l’isolamento in casa, a nasconderlo all’attenzione della società e dei media. E poi, vige il luogo comune che riduce l’auto isolamento di questi ragazzi alla semplice dipendenza da internet. L’abuso di internet è solo la compensazione di un malessere che sta altrove. Non li vediamo perché la loro vita si svolge interamente in una stanza: la loro camera da letto. Si rifiutano di uscire, di vedere gente e di avere rapporti sociali. In quella stanza leggono, disegnano, dormono, giocano con i videogiochi e navigano su Internet. Ma soprattutto proteggono loro stessi dal giudizio del mondo esterno. Chi attribuisce la colpa del disagio alle nuove tecnologie sbaglia di grosso. Le cause sono molteplici e il fenomeno è sorto prima dell’avvento del computer. Di noto c’è che l’isolamento può durare alcuni mesi o anni.

images (2)

Si tratta di un disturbo multifattoriale in cui tutte le componenti devono essere considerate, per comprendere il fenomeno. Una singola dimensione non basta per spiegare l’insorgenza del disturbo. Queste componenti possono essere familiari, psicologiche o sociali. Tutto questo porta a una crescente difficoltà e demotivazione del ragazzo nel confrontarsi con la vita sociale, fino a un vero e proprio rifiuto della stessa. Si tratta di ragazzi con una difficoltà nella gestione e nel controllo delle emozioni: gli hikikomori provano un profondo stato d’ansia generalizzata all’idea di abbandonare la residenza e di avere contatti con altre persone. In molti casi questa loro difficoltà nel relazionarsi e nella gestione dell’ansia era presente anche prima del manifestarsi del fenomeno. Gli hikikomori hanno una concezione molto negativa della società e, in particolare, soffrono molto le pressioni di realizzazione sociale, dalle quali cercano di fuggire.

Lo psichiatra Satoru Saito (2001) ritiene che il fattore narcisistico sia determinante nell’evoluzione di hikikomori. Egli sostiene che l’innaturale rapporto madre-figlio, che ha un notevole peso nello stato di hikikomori, sia legato anche al problema della presenza-assenza del padre. L’assenza del padre assorbito dal lavoro, che è una prerogativa della famiglia giapponese, simboleggia l’importanza del ruolo che riveste all’interno della società e il sacrificio per la famiglia. L’assenza della figura paterna non fa che rafforzare parallelamente l’attaccamento e la relazione madre-figlio, contribuendo allo sviluppo di un esagerato narcisismo del figlio. Padri deboli o assenti; madri forti e al contempo iperprotettive e ansiose, che spesso hanno difesi i figli da frustrazioni e difficoltà. Le madri proprio per questo giocano un ruolo chiave anche nella guarigione.

Questi ragazzi hanno la profonda paura di non riuscire a soddisfare le aspettative che chiunque, a partire dai genitori, riversa su di loro, e provano un sentimento di vergogna e di inadeguatezza di fronte alla consapevolezza di un loro possibile fallimento. Il rifiuto della scuola è uno dei primi campanelli d’allarme dell’hikikomori. L’ambiente scolastico viene vissuto dal soggetto in modo particolarmente negativo. L’isolamento sociale autoindotto in modo prolungato può essere accompagnato dalla presenza di ulteriori sintomi: antropofobia (paura della gente e dei contatti sociali), automisofobia (paura di essere sporchi), agorafobia (paura di ambienti non famigliari e di spazi aperti), manie di persecuzione, disturbi ossessivo-compulsivi, comportamenti regressivi, evitamento sociale, apatia, letargia, umore depresso, pensieri di morte e tentato suicidio, inversione del ritmo circadiano di sonno-veglia, internet addiction disorder, comportamenti violenti contro la famiglia, in particolare verso la madre.

images

GUARDA IL VIDEO

CONSULTA IL SITO

imageshttps://www.hikikomoriitalia.it/

SCARICA PDF SULL’ARGOMENTO

Il fenomeno dell’hikikomori: cultural bound o quadro psicopatologico emergente?

COSA SIGNIFICA HIKIKOMORI?

Hikikomori. La solitudine degli adolescenti giapponesi

L’attacco di panico: il disturbo della società odierna

storia-clinica-panico

 

Il Disturbo da attacchi di panico si presenta nella nostra società con sempre maggior frequenza, i dati epidemiologici indicano una prevalenza del disturbo nel corso della vita che oscilla tra lo 0,6 e il 6% con una frequenza doppia nel sesso femminile rispetto a quello maschile. L’età media di esordio è di circa 25 anni con una certa variabilità, molti casi hanno un decorso cronico oppure possono esservi remissioni spontanee con successive riacutizzazioni e forme di disturbo attenuato (forme paucisintomatiche). Una grande variabilità si trova anche nella risposta al trattamento (psicofarmacologico e psicoterapico, specialmente di tipo cognitivo-comportamentale), con un tasso di guarigione di solo il 30% a 6-10 anni dalla terapia.

Il DAP è una categoria diagnostica relativamente recente: fu infatti inclusa ufficialmente nella terza edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali solo dal 1980, eppure già nel 1895 Freud descrisse la “nevrosi d’ansia”, un insieme di sintomi psichici e somatici spesso in relazione con una paura degli spazi aperti, termine che venne utilizzato come categoria diagnostica fino all’introduzione della nuova edizione del “Disturbo di Panico”.

In riferimento al contesto culturale recenti studi hanno sottolineato che i disturbi psichici non sono statici ma dinamici, differendo da una società all’altra e in una stesa società nel tempo, seguendone le trasformazioni. Se all’inizio del secolo scorso si parlava quasi esclusivamente di nevrosi isterica dalla fine del secolo scorso sono divenuti preponderanti i disturbi d’ansia e il disturbo da attacco di panico. Con le sue potenti manifestazioni polarizzate sul corpo (tachicardia, sudorazione, senso di soffocamento, visione offuscata, etc.) l’attacco di panico si configura come l’espressione di un pericolo imminente, un pericolo non reale ma fantasmatico di cui non se ne capisce nè il motivo né l’origine.

In una società che richiede di essere sempre pronti ed adeguati ai vari ruoli e alle funzioni (nel lavoro, nella famiglia, nelle relazioni affettive) non è un caso che proprio i giovani e gli adolescenti siano i più esposti all’insorgenza di questo disturbo. Se l’ambiente esterno viene percepito come incerto, pericoloso e con poche prospettive di realizzazione ecco che il giovane che si affaccia alla sua vita adulta fa molta fatica a proiettarsi in una dimensione autonoma assumendosi la responsabilità che questo comporta, di conseguenza i tempi di permanenza nella famiglia d’origine si dilatano nel tempo.  Da un lato l’ambito famigliare  giustifica la presenza dei figli a casa con le incertezze e le difficoltà di questi ultimi ad assumere un ruolo sociale, ma parallelamente questo permette alla famiglia di mantenere un immagina statica e cristallizzata di se stessa, una dimensione che permette di posticipare l’idea della perdita delle proprie funzioni genitoriali e di allontanare l’idea del tempo che passa.

L’altro rovescio della medaglia è rappresentato dalla posizione in cui si trovano i figli che pur covando desideri di autonomia e di distacco dalla famiglia di origine vivono questi pensieri con estrema paura rispetto all’incertezza e alla paura del fallimento che gli si prospetta di fronte e come un tradimento nei confronti dell’ambiente familiare che gli offre protezione. Questa ambivalenza può trovare allora espressione nell’attacco di panico  come estrema rappresentazione di quella paralisi fisica ed emotiva accompagnata da una profonda angoscia rispetto all’impossibilità di trovare una espressione e comunicazione a questo conflitto.