La paura del CONTAGIO ! #coronavirus #covid19 #andràtuttobene #distantimavicini

Il Covid-19 è il virus che sta terrorizzando il mondo e avrà un influenza enorme sulla nostra vita a 360 gradi. Il numero dei morti cresce ora dopo ora, giorno dopo giorno ed emerge la paura del contagio.

 L’emergenza che stiamo vivendo ha cambiato e sta modificando in maniera totale, forse per sempre, le nostre abitudini, sgretolando certezze e facendoci vedere il lato debole di ognuno di noi. La paura dell’epidemia viene da molto lontano, ne parlava nel Decameron Boccaccio, il quale la identifica come una  malattia distruttrice del vivere comune come di una piaga che dà forma a un “nemico invisibile” ma presente ovunque.

Il Coronavirus mette il dubbio l’idea che abbiamo del mondo che ci circonda e mette in discussione soprattutto la relazione delle persone le une con le altre, ma più di ogni altra cosa ci fa dubitare di noi stessi, e della società nella quale viviamo, sgretolando le certezze alla base dell’immaginario individuale e collettivo.

La paura del contagio ci fa vivere temendo il prossimo e la relazione con lui. La paura non è solo quella di contrarre il virus ma soprattutto la paura di essere infettati dall’altro e  la paura di contagiare una persona cara. Per gestire tale esperienza ci vuole fiducia e oggettività.

La condizione che siamo costretti a vivere è per noi un’occasione per riappropriarci di ritmi di vita più sani ed equilibrati, per fermarci, osservare noi stessi, gli altri e la bellezza che ci circonda riscoprendo il piacere delle piccole cose che diamo per scontate: una passeggiata all’aperto mano nella mano con una persona cara.

Gli adolescenti, in questo momento chiusi nel loro mondo virtuale potrebbero non percepire la pericolosità del covi-19 e della diffusione del virus e vivere le limitazioni come un imposizione frustrante e fastidiosa.

Ciò potrebbe portare ad un inasprimento delle relazioni con i genitori che, invece, tentano di preservarne la salute,cercando di tenere loro stessi e i propri figli in casa. Le condotte a rischio, come si vede dai telegiornali, sono tipicamente adolescenziali e sono dovute ad un’incapacità fisiologica a percepire l’effettiva pericolosità di un comportamento e di rispondere a questa paura con l’indifferenza e l’immaturità che contraddistingue l’essere umano.

I bambini sono invece spaventati da questa novità, una rottura della loro routine ed uno sconvolgimento del loro assetto familiare. Se si vuole si deve comunicare la verità  ai propri figli, raccontargli ciò che sta accadendo attraverso metafore e storie che rendano questa situazione comprensibile, ma che non li spaventino. Il Coronavirus potrebbe essere un mostro che si appiccica alle persone come una colla viscida e che fa venire tanti raffreddori e che solo con le precauzioni (mascherina, guanti e distanza) riusciremo a sconfiggere. dobbiamo essere un po’ dei supereroi che inventano storie e pozioni magiche per sconfiggere il mostriciattolo verde.

images (6)

 

 

Come spiegare il coronavirus ai bambini!

Trovare le parole per raccontare il coronavirus ai bambini non è così semplice. Nel flusso di notizie che arrivano sull’epidemia, a cui sono inevitabilmente esposti anche i più piccoli, attraverso i telegiornali e la radio c’è il rischio che siano travolti
dalla paura e non riescano a indirizzare la loro attenzione sulle poche notizie importanti per loro, anche per contribuire a prevenire la diffusione del virus e il contagio.

Cosa dire ai bambini sul coronavirus e come, ora che molte scuole sono chiuse.

La prima cosa da fare è cercare di non trasmettere ansia con parole e comportamenti inutili e non spiegare troppo utilizzando un linguaggio non chiaro. E’ importante poter parlare ai bambini in modo tranquillo e diretto, è indispensabile riuscire a trasmettere fiducia, per questo è meglio che a farlo sia un genitore o addirittura entrambi. I bambini non aspettano le spiegazioni degli adulti per interpretare il mondo, ma si creano una loro personale idea, per cui dobbiamo sbrigarci a fornire loro delle idee.

download (13)

Cercare di non terrorizzare i bambini, che a causa della loro età non sono in grado di capire contenuti e toni eccessivamente negativi. Partire da una situazione che già conoscono, come l’influenza stagionale o il vaccino per raccontare che questo coronavirus è una situazione nuova, per la quale non abbiamo ancora soluzioni neanche noi genitori, e che giustamente quindi ci preoccupa, perché potrebbe fare ammalare tante persone, troppe tutte in una volta.

I bambini vivono gli stati emotivi dei loro genitori, sono estremamente ricettivi alle loro ansie e paure, alle loro inquietudini e quindi il comportamento degli adulti, in ogni caso, è importante: perché non è facile trasmettere tranquillità e sicurezza quando si è a propria volta preoccupati per sé stessi o per la salute di un proprio caro. Se non siamo in grado di controllare il panico, i nostri figli lo capiscono subito. Serve mettere in campo strategie che abbassano il nostro stress, come concentrarsi sul respiro, o spostare l’attenzione sulle cose che ci aiutano a stare bene, per riuscire a dare spiegazioni semplici e realistiche, ovviamente adattate all’età del bambino.

download (15)

E’ possibile impegnare i bambini in attività alternative, se poi si nota che i bambini stanno comunque vivendo una condizione di paura, si può cercare di convogliare questi sentimenti negativi in altre forme di comunicazione, come i disegni, gli scritti o le musiche ma senza esagerare.

Ansia scolastica nei bambini e negli adolescenti

 

L’ ansia scolastica racchiude la paura dell’insuccesso, del giudizio negativo, il timore di non essere capaci di superare la prova che si deve affrontare. E’ un disturbo caratterizzato dalla paura, irrazionale e non controllabile, di prendere brutti voti a scuola e di fare brutta figura davanti alla classe.

I bambini e gli adolescenti che ne soffrono presentano un livello d’ansia tale da compromettere significativamente il buon rendimento scolastico.

Con l’ingresso di un bambino alla scuola primaria, tutta la famiglia vive un grande cambiamento: dalla scuola dell’infanzia, dove si impara giocando e le valutazioni appaiono più leggere, si passa a un ambiente che esplicitamente è investito dal dovere di stimolare conoscenze, abilità, competenze e di valutare il percorso di ogni bambino.

Molti bambini e adolescenti giungono in terapia perché hanno la paura o l’ansia di andare a scuola, questo fenomeno riguarda un numero sempre maggiore di bambini e ragazzi in età scolare e raggiunge dei picchi in alcuni momenti cruciali del percorso scolastico:
– Tra i 5 e i 7 anni, all’inizio della scuola primaria.
– Tra i 10 e gli 11 anni con l’inizio della scuola secondaria di I°grado.
– Tra i 13 e i 14 anni con l’inizio della scuola secondaria di II° grado.

In Italia quasi il 60% degli adolescenti dichiara di essere stressato a causa dello studio. Le ragazze tendono a essere più colpite dei ragazzi.

L’insorgenza dell’ansia scolastica sembra spesso immotivata in quanto si tratta, nella maggior parte dei casi, di ragazzi intelligenti e studiosi con un buon rendimento scolastico. La causa è spesso la volontà di offrire ai genitori e agli insegnanti una buona immagine di sé, la non accettazione degli errori e delle brutte figure. Queste idee negative determinano ansia anticipatoria con conseguente fatica a concentrarsi nello studio e un peggioramento delle prestazioni scolastiche.

Come nell’adulto, anche nel bambino e nell’adolescente l’ansia è associata a manifestazioni somatiche, i segnali più diffusi sono: mal di testa; pianti, tremori, mente offuscata; male allo stomaco o tensione muscolare, che spesso portano i bambini a chiedere di non andare a scuola o di uscire prima; difficoltà ad addormentarsi, in questo caso a volte il lettone di mamma e papà è spesso la soluzione a cui si ricorre per trovare la serenità e potersi addormentare tranquilli; vomito e febbre; crisi di panico prima di varcare l’ingresso della classe, ma a volte si manifesta già a casa prima di partire per andare a scuola.

Solitamente l’ansia da prestazione scolastica ha una matrice familiare, cioè affonda le sue radici nell’ambiente familiare (in particolare nelle aspettative che hanno i genitori nei confronti dei figli). Ma non possiamo fermarci solo al contesto familiare. Lo stile comunicativo dell’insegnante è molto importante e molti insegnanti parlano dell’esame di maturità ai ragazzi, già all’inizio della prima superiore. Ma ne parlano in modo terroristico e minaccioso come se l’esame fosse domani e come se i ragazzi non avessero alcun interesse a superarlo.

esperto_tecniche_gestione_ansia-805x536-c.png

La paura è un’emozione che “cova” nell’animo umano, si intrufola nella mente e non possiamo fermarla se non ne prendiamo consapevolezza.

L’ansia da prestazione scolastica, dunque,  può presentarsi sia come un disturbo leggero che come un disturbo più serio e capace di dar luogo in futuro a sintomi più gravi come attacchi di panico, fobie e ossessioni. Per questo è importante che genitori e insegnanti osservino attentamente i comportamenti del bambino e lo ascoltino, in modo da intervenire tempestivamente eventualmente anche con una psicoterapia.

psicologo-scolastico.jpg

La psicoterapia serve al bambino a trovare uno spazio di espressione, ascolto ed elaborazione dei vissuti emotivi ansiogeni. Contattami per un consulto e una consulenza a studio.

26bff489-6e76-4d3b-9eed-4af5b588d919.jpg

Scarica i link per avere delle informazioni in più:

ANSIA DA PRESTAZIONE SCOLASTICA PDF

ANSIA DA PRESTAZIONE PER L’ESAME DI MATURITA’ PDF

Ansia e fobia scolastica

Little Miao go to school

La Fobia Scolastica è un disturbo spesso presente in alcuni bambini o adolescenti in cui il disturbo di ansia e di paura ad andare a o restare a scuola diviene talmente evidente da compromettere in modo significativo la vita scolastica e la regolare frequenza dell’alunno.

Questa paura spesso immotivata della scuola si caratterizza per una forte ansia, a volte unita a degli attacchi di panico legati alla presenza dell’ambiente scolastico. Il rifiuto della scuola è la prima manifestazione che l’adolescente evidenzia e che compromette spesso la sua carriera scolastica. L’ansia eccessiva diviene invalidante per alcuni ragazzi e compromette lo svilupparsi di relazioni amicali sane e mette a rischio isolamento l’adolescente, alterando il suo normale ciclo vitale.
Le conseguenze spesso evidenti nei ragazzi possono riguardare lo sviluppo emotivo, sociale, scolastico e relazionale.

L’ ansia scolastica nasce talvolta dal normale desiderio di essere amati e stimati e dalla paura di essere rifiutati. Essa nasconde la paura dell’insuccesso scolastico, del giudizio negativo dei genitori e degli insegnanti e il timore di non essere capaci di superare la prova che si deve affrontare, come ad esempio l’esame di terza media o l’esame di maturità.

L’ansia da prestazione scolastica si manifesta, a livello psicologico-comportamentale attraverso una serie di sintomi: pianti inconsolabili, tremori e tachicardia, mente offuscata e smarrimento, crisi di panico all’ingresso della classe o prima di partire da casa per andare a scuola; spesso questi disturbi si trasformano in manifestazioni psicosomatiche quali: frequenti mal di testa, mal di pancia vomito e febbre,  Molti genitori insieme ai loro bambini e adolescenti giungono in terapia in età scolare raggiungendo dei picchi in alcuni momenti cruciali del percorso scolastico: tra i 5 e i 7 anni all’inizio della scuola primaria, tra i 10 e gli 11 anni con l’inizio della scuola secondaria di primo grado, tra i 13 e i 14 anni con l’inizio della scuola secondaria di secondo grado.

Spesso le cause dell’ansia scolastica possono essere riconducibili ad altre variabili come: l’ansia da separazione dai genitori nei più piccoli, la paura di episodi di bullismo in classe o a scuola nei più grandi, il timore dell’insegnante soprattutto durante la scuola di secondo grado e le superiori, il timore di avere brutti voti e il conseguente timore di non essere all’altezza delle aspettative genitoriali. Il bambino o il ragazzo manifesta ai genitori una sensazione angosciosa come se qualcosa di terribile stia per accadere, sia essa una disgrazia o una malattia, che possa colpire lui o le persone a lui più care, spesso sono i genitori. Il bambino ha difficoltà a descrivere ciò che realmente pensa o prova e per questo avverte sempre più angoscia. 

Un intervento efficace e tempestivo è di fondamentale importanza per prevenire o curare l’ansia e gli attacchi di panico a scuola, risulta infatti  palese come problematiche del genere  possono compromettere seriamente la qualità della vita in una delle fasi più delicate del ciclo di vita qual è l’adolescenza.  La cura migliore è, come sempre, la prevenzione intesa come ricerca di segni o sintomi presenti nell’adolescente che possono degenerare in veri e propri quadri clinici,: in questa  ottica, risulta di fondamentale importanza la collaborazione  tra scuola e famiglia.

Le aspettative genitoriali sullo sviluppo dei figli

figlio-insicuro

Se non puoi essere un pino in cima alla collina,
sii una macchia nella valle, ma sii
la migliore, piccola macchia accanto al ruscello;
sii un cespuglio, se non puoi essere un albero.

Se non puoi essere un cespuglio, sii un filo d’erba,
e rendi più lieta la strada;
se non puoi essere un luccio, allora sii solo un pesce persico-
ma il persico più vivace del lago!

Non possiamo essere tutti capitani, dobbiamo essere anche un equipaggio,
c’è qualcosa per tutti noi qui,
ci sono grandi compiti da svolgere e ce ne sono anche di più piccoli,
e quello che devi svolgere tu è li, vicino a te.

Se non puoi essere un’autostrada, sii solo un sentiero,
se non puoi essere il sole, sii una stella;
Non è grazie alle dimensioni che vincerai o perderai:
sii il meglio di qualunque cosa tu possa essere.

Douglas Malloch (1877-1938)

Il primordiale rapporto tra un genitore ed un figlio è colmo di aspettative genitoriali sia positive che negative, sia reali che immaginarie. Nel genitore le aspettative nascono dalla loro storia e dalle proprie esperienze. Spesso però i genitori desiderano per il figlio tutto ciò che loro non hanno potuto avere, desiderare, realizzare.

L’idea che il proprio figlio possa superare una prova e ricucire una ferita genitoriale mai chiusa è molto diffusa. I bambini ed in seguito i ragazzi già dal concepimento fino alla crescita divengono a volte il prolungamento dei desideri e delle aspettative genitoriali, una proiezione dei genitori che i figli devono a tutti i costi ereditare e poi concretizzare.

I ragazzi nella loro vita odierna come nello sport, a scuola, all’università e successivamente nel lavoro si sperimentano, competono con altri individui e realizzano se stessi, ma non sempre rispondono alle richieste genitoriali o comunque nel tentativo di rispondere a tali esigenze spesso vivono un fallimento e ciò può generare angoscia e tristezza.

Il fallimento sentito dal bambino o dal ragazzo genera talvolta una mancanza di fiducia in se stessi e una mancanza di autostima per il fatto di non aver aderito all’immagine del figlio ideale e perfetto che i genitori volevano o si aspettavano.

Quasi ogni giorno i bambini devono sperimentarsi nella realtà circostante e viene richiesta loro una prestazione eccellente in un clima spesso competitivo come la scuola. Quando i genitori riescono ad avere aspettative fisiologiche colme di speranza cercando di cogliere i bisogni del figlio e le sue idee diverse, riusciranno ad avere un riscontro positivo nello studio.

Se le aspettative genitoriali al contrario cresceranno e diventeranno elevate e spesso irrealistiche, potrebbe verificarsi una situazione in cui il benessere psichico del figlio potrebbe avere delle incrinature.

Talvolta un’aspettativa troppo elevata non permette al genitore di conoscere il proprio figlio per quello che è, accettandolo con le sue differenze ed impedisce di sperimentare nuove soluzioni familiari per risolvere le problematiche quotidiane.

E’ importante che il genitore offra al figlio opportunità diverse dalle proprie e lo stimoli senza avere ambizioni personali, considerando i propri figli un dono perfettibile e meraviglioso.

 

Ansia e attacchi di panico

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’ansia

L’ansia è un emozione caratterizzata da sensazioni di tensione, minaccia, preoccupazioni e modificazioni fisiche, come aumento della pressione sanguigna.Ogni anno in Italia i disturbi mentali colpiscono circa 3.5 milioni di persone, pari a quasi il 6% della popolazione, e ben 2.5 milioni di questi pazienti manifestano sintomi d’ansia in grado di farli sprofondare nella paura e nella solitudine (Dati Ministero della Salute)

Le persone con Disturbi d’Ansia solitamente presentano pensieri ricorrenti e preoccupazioni dalle quali difficilmente riescono a liberarsi. Inoltre, possono evitare alcune situazioni come tentativo di gestire (o non affrontare) le preoccupazioni. I sintomi fisici dell’ansia più frequenti sono sudorazione, tremolio, tachicardia e vertigini/capogiri e si protraggono per almeno sei mesi peggiorando se non vengono adeguatamente curati

Quando questi sintomi ansiosi non vengono affrontati o non possono essere affrontati per vari motivi, rimangono latenti, provocando nel tempo un aumento dell’ansia che potrà quindi superare una soglia e scatenare un attacco di panico. L’attacco di panico è un’esperienza spiacevole e terrificante dove si sperimenta una completa perdita di controllo delle proprie emozioni: si ha paura, si crede di impazzire o di stare per avere un infarto. Molte persone si recano al pronto soccorso in preda o in seguito ad un attacco di panico, ma purtroppo, talvolta i medici non sono addestrati a riconoscere le manifestazioni psicosomatiche e colludono con la richiesta degli stessi pazienti di maggiori esami fisici, parcellizzando e scomponendo il quadro sintomatico in una serie di elementi distinti.

Disturbo di panico secondo il DSM-5

Il disturbo di panico è un disturbo presente nel capitolo dei disturbi d’ansia del DSM-5. Il disturbo di panico è caratterizzato dalla presenza di ricorrenti attacchi di panico (almeno due, anche se in genere gli attacchi sono molti di più) definiti come “inaspettati”. Il termine “inaspettati” sta a significare che, apparentemente, non si evidenziano cause scatenanti l’attacco. In un disturbo di panico gli attacchi compaiono come fulmini a ciel sereno, quando magari un individuo si sta rilassando o addirittura durante il sonno. Inoltre il DSM-5 inserisce una lista di 13 diversi sintomi che possono manifestarsi durante l’attacco. Per poter parlare di disturbo di panico è necessario che si presentino, in modo concomitante, almeno 4 dei sintomi presentati. I criteri diagnostici del disturbo di panico sono:

A – Ricorrenti e inaspettati attacchi di panico. Gli attacchi di panico sono caratterizzati dal brusco e repetino manifestarsi di intensa paura e disagio e raggiungono il picco di intensità in pochi minuti. Durante gli attacchi si devono presentare, in concomitanza, almeno 4 dei seguenti sintomi:

  1. palpitazioni o tachicardia
  2. sudorazione
  3. tremori
  4. sensazione di fiato corto o di fatica nel respirare
  5. sensazione di soffocamento
  6. dolore retrosternale
  7. nausea o dolori addominali
  8. vertigini, sensazione di instabilità, testa leggera o sensazione di svenimento
  9. brividi o vampate di calore
  10. parestesie (sensazioni di formicolio o di intorpidimento)
  11. derealizzazione (sensazioni di irrealtà) o depersonalizzazione (sentirsi separato da se stesso)
  12. sensazione di perdita del controllo o di “diventare matto”
  13. paura di morire

B – Almeno uno degli attacchi è seguito da un mese o più, durante il quale si presenta uno o entrambi dei seguenti sintomi:

L’attacco di panico è un vero e proprio disturbo. Anche se non lascia segni evidenti sul nostro corpo, si manifesta violentemente e senza preavviso, paralizzando la vita di chi ne soffre. Troppo spesso i suoi sintomi vengono ignorati o perché confusi con altre patologie o per il senso di vergogna che il paziente prova nel dover giustificare una paura irrazionale. È importantissimo riuscire a riconoscere questa sindrome, per intervenire subito.

Il primo attacco è dirompente e viene ricordato in maniera vivida dai pazienti che utilizzano espressioni forti come “da quel momento la mia vita è cambiata”.

Coloro che soffrono di attacchi di panico cercano di fuggire il prima possibile dalla situazione o dagli individui che provocano loro ansia o malessere, evitano situazioni simili nel futuro e mettono in atto meccanismi che li rassicurino.

LINK GRATUITI DI LETTURE CONSIGLIATE

Istituto Beck L’ansia e il disturbo da attacchi di panico

Klaus Bernhardt Liberati dall’ansia e dagli attacchi di panico

 

Regole per un buon inserimento al nido

 

una_giornata_s

 

La prima cosa importante da fare è parlare e verbalizzare cioè dire al bambino cosa sta per affrontare: domani inizierà l’asilo, ci saranno tanti bimbi e tanti giochi, ti divertirai, preannunciandogli l’eventoSpiegargli con parole semplici cosa farà al nido, ponendo l’accento sulle attività più belle che lo aspettano, ma non trascorrere ore a convincerlo.

E’ consigliabile in questa fase mostrarsi contenti, felici e pieni d’entusiasmo per questa nuova esperienza, anche se dentro di noi non è proprio così. Una cosa fondamentale, che molti genitori non sanno e non fanno, è il saluto. Al momento del distacco bisogna salutare il proprio bambino: la mamma va a fare la spesa poi torna. L’importante è far capire al proprio figlio che la mamma non sparisce. Il bambino può vedere la mamma e il papà che vanno via, sapendo che poi torneranno.

Successivamente dovrete trasmettere serenità, tranquillità e fiducia: la mamma va al lavoro, poi torna a prenderti. Rassicurare il bambino dicendogli che la mamma o il papà andranno a riprenderlo dopo la pappa o dopo le ninne lo tranquillizzerà. E’ preferibile comunicare al bambino un momento preciso della sua routine quotidiana in cui andrete a riprenderlo in modo tale da rendere meno pesante l’attesa.

Dargli un oggetto che può portare da casa, come il suo giochino preferito. Rappresenta un oggetto di continuità tra casa e scuola, oppure dagli un braccialetto, una foto; lasciare che il bambino porti con sé il suo giocattolo preferito, lo aiuterà a sentirsi al sicuro; crea un piccolo rito collegato allo stare al nido.

Dare fiducia al bambino significa essere certi che è in grado di superare un momento difficile. Anche se il bambino mostra segni di sofferenza, si lagna piange e non vuole andare bisogna  offrirgli tutto il nostro sostegno senza però cedere ad ogni suo capriccio. Il bambino non deve sentirsi abbandonato. Comprendetelo e fategli capire che a volte, quando si sta per superare un momento difficile, si piange.

Avere fiducia del nido e delle educatrici è importantissimo: più voi avrete fiducia dell’ambiente circostante e delle persone che ci lavorano, più il vostro bambino si sentirà sicuro in un posto sicuro. All’uscita quando tornerete a riprenderlo entrate sorridenti e allegre, rassicurate subito vostro figlio, ditegli che tornerete sempre, che gli volete bene.

Dare spazio al papà che deve essere coinvolto nell’inserimento. In genere i papà hanno meno difficoltà a lasciare i bambini e per i bambini è più facile salutare il papà che non la mamma. Il papà ha un ruolo estremamente importante: aiutare la mamma a staccarsi dal bambino, superando insieme l’inserimento al nido. Una buona idea è quella di essere presenti entrambi durante l’inserimento per facilitare il momento del distacco con il genitore.

Comunicare spesso e con regolarità con le educatrici per imparare a fidarsi di loro. Se il bambino si accorge che la mamma ed il papà si fidano delle educatrici rimarrà più serenamente al nido. Anche le educatrici hanno un compito molto delicato poichè devono fare in modo che la famiglia e il bambino si fidino di loro. Per raggiungere questo obiettivo devono avere un atteggiamento accogliente, nei confronti del bambino ma anche dei genitori. Lo scambio di informazioni tra genitori ed educatrici deve continuare anche dopo l’inserimento.

Ricordiamo inoltre che seppure il genitore conosce il proprio bambino, ogni bimbo a suo modo è diverso da un altro, ha i suoi ritmi e necessita di un periodo di tempo e di spazio per inserirsi al nido.

Scuola-materna